Come sedersi correttamente alla scrivania

29 dicembre 2017

Può capitare che uno stile di vita sedentario ci porti a trascorrere una buona parte del tempo seduti alla scrivania o su un divano: in questa situazione siamo maggiormente a rischio di sviluppare problematiche al tratto lombare. Per questo è importante sapere come sedersi correttamente, per evitare lombalgie o generalmente dolori alla schiena.

Molte persone trascorrono una grande quantità di ore sedute alternando a qualche minuto di postura corretta, svariate ore di malposizionamenti di solito con il tratto lombare appiattito.

Sedersi in maniera scorretta crea dei compensi impropri, causa un uso inefficiente della muscolatura e comprime i dischi intervertebrali. Queste posture disfunzionali possono andare ad influenzare negativamente la stazione eretta e gli schemi di movimento, avendo così un effetto deleterio sulla condizione di salute.

 

 

Solitamente si consiglia di alternare a lunghi periodi di lavoro di scrivania delle brevi camminate: per quanto sembri facile, chiunque abbia mai lavorato in un ufficio sa bene quanto in realtà spesso possa essere difficile staccare dall’attività, senza menzionare come possa essere alquanto noioso spendere numerosi minuti ogni giorno camminando su e giù per i corridoi dell’ufficio.

Come fare quindi?

La migliore alternativa consiste nel mantenere, per la maggior parte possibile del tempo, una postura corretta mentre si lavora. E ciò è difficilissimo.

Per quanto possa sembrare banale mantenere un corretto allineamento all’inizio è incredibilmente difficile: questo perché il nostro cervello è progettato per ricercare sempre la posizione non dolente da mantenere e, insieme, più energicamente economica da mantenere.

Questo significa che inizialmente saremo in grado di sederci correttamente solo finché penseremo a mantenere quella posizione; non appena distoglieremo l’attenzione (per lavorare, ad esempio), il corpo tenderà a tornare all’atteggiamento più comodo.

Si rende necessario quindi lavorare per step, andando piano piano a “riprogrammare” il cervello sulla postura da ricercare in automatico.

  • Provate a sedervi comodamente su una sedia. Molto probabilmente per stare comodi sarete lievemente piegati in avanti, con la schiena interamente flessa in avanti.
  • Da questa posizione provate a portare indietro il sedere ed avanti il torace, anche esagerando il movimento e andando ad inarcare la parte alta della schiena.
  • Ora che siete sufficientemente scomodi, lentamente rilassate la porzione più alta della schiena finché non vi sentirete allineati, con la schiena dritta dal sedere fino alle spalle.

Questa è la posizione che dovrete cercare di mantenere: per aiutarvi, una volta assunta questa posizione, aggiustate tutta la vostra postazione lavorativa conseguentemente (computer, altezza della scrivania, documenti etc.).

 

 

Non è affatto semplice mantenere questa posizione, ma sarà nettamente più facile una volta che avrete posizionato correttamente il bacino seguendo gli step presentati sopra.

Seguire queste semplici regole vi aiuterà ad evitare fastidiosi dolori lombari che potrebbero influire negativamente sulla qualità della vostra vita. Si tratta di piccole abitudini che potranno portare grandi vantaggi per la vostra salute.